The Times They Are a-Changin'

Fashion R(e)Evolution, Mostre & Proteste.  
Non sarebbe MILANO MODA DONNA Fashion Week  senza  ‘R(e)Evolution,  Mostre & Proteste’. Sei giorni di eventi con 73 sfilate, 90 presentazioni - nove delle quali su invito, e altri 13 appuntamenti da non perdere. LA PASSEGGIATA, la mostra open-air con gli scatti di The Sartorialist  in via Monte Napoleone. A Palazzo Reale “L’ARTE DEL BIJOUX ITALIANO”. Attivisti  PETA  Nudi in Maschera Gas danno il via a MILANO MODA DONNA  Fashion Week con Protesta Anti Pelliccia. THE SHOW GOES ON!
Via Monte Napoleone, Milan




 

film:.
Chez VERSACE
 

 

 
 
 
 

Via Montenapoleone's site, is powered by 100% wind energy. That means the servers, data centers and offices supporting our site are powered by renewable energy

credits

Chez VERSACE

director / Matt Dowson
screenplay / Hanna Mayer
executive producer / White Wings
here because there: Donatella Versace - Ming Xi - Tim Blanks - The Unknown Spy - Carine Roitfeld - Terry Richarson - Chez Noel - Janet Jackson - Kanika Kapoor - Anna Wintour - Melissa George - Lady Gaga & Fozzi - Inna, Sacha, Xenia - FEMEN - Alessia Marcuzzi - Lana Del Rey - Anna Dello Russo - Daria Strokous
music & words / Leo Alves Vieira & Pangea / Mil Pulsos - Michael T. Fournier History of Punk Rock Podcast 5 - Different Skies - Arcosanitarium

The Times They Are a-Changin'. R(e)Evolution o Semantica?
THE SHOW GOES ON!
MILANO MODA DONNA Fashion Week


The Times They Are a-Changin'. ‘Vedi-Adesso, Compra-Adesso’: R(e)Evolution o Semantica? Wait and See.
Le Fashion Week di New York e Londra hanno dato il LA ad un nuovo tormentone: ‘Vedi-Adesso, Compra-Adesso’. Top brand, come Burberry,  Proenza Schouler, MulberryDiane von Furstenberg, Tom Ford, Michael Kors, and Tom Hilfiger hanno già cambiato rotta e stanno puntando su una nuova strategia di business all’insegna  del ‘consumer-friendly’. Con le loro sfilate di settembre 2016 presenteranno capi invernali che saranno disponibili immediatamente per la vendita, abbandonando la tradizione che prevede i canonici sei mesi di attesa prima che i capi entrino in negozio. Inoltre, anche le campagne pubblicitarie rifletteranno la sfilata stessa. In altre parole: la sfilata diventerà un grande strumento di marketing e di vendita, non più rivolto ai department stores e ai magazine patinati, ma rappresenterà una canale di comunicazione diretto tra il brand e gli uomini e le donne che vogliono acquistare i capi immediatamente.
Nei giorni scorsi,  Tom Ford ha definito il tradizionale modello ‘vedi-adesso, compra-dopo’ “un’idea antiquata che non ha più alcun senso.” Il designer americano che aveva pianificato una serie di piccole presentazioni per la New York Fashion Week, ha fatto sapere che tutti gli appuntamenti sono stati cancellati, e che le collezioni Autunno/Inverno Uomo e Donna 2016-2017  sfileranno insieme il prossimo settembre e saranno immediatamente in vendita.
“Ognuno deve imparare le nuove regole,” ha dichiarato Diane von Furstenberg che sta facendo pressioni affinché i designer abbandonino l’attuale show system. Con annunci di questa importanza - cui si aggiunge il fatto che il CFDA, la Camera della Moda Americana, sta riconsiderando il format della New York Fashion Week - è evidente che il cambiamento sta arrivando su grande scala. 

Vanessa Friedman  del New York Times ha recentemente esaminato il ruolo dello smartphone in relazione all’indebolimento del tradizionale format della Fashion Week: “Dopo essere stati inondati di immagini e livestreaming dalle sfilate e dagli eventi awards - dove i capi sono indossati successivamente alla sfilata e alle campagne pubblicitarie (e alla realizzazione delle stesse) - fino al momento in cui i clienti vedono i capi in negozio, gli abiti e le gonne sembrano tediosamente familiari. Vecchi. Finiti.”

Peraltro, non tutti i designer stanno adottando lo stesso modello “See-Now, Buy-Now”. Proenza Schouler rende disponibili alcuni look della sfilata esclusivamente presso il proprio negozio di New York. Altri brand stanno testando il nuovo format con piccole capsule collection: Moschino rende disponibili alcuni pezzi subito dopo la sfilata e lo stesso fa Versace con la linea Versus. “Questo è oggi il mondo e la moda è cambiamento e evoluzione. Amo l’immediatezza della vita di questo tempo e di come le porte della moda, aprendosi,  consentano a tutti di sentirsi parte di una tribù globale. Abbiamo cominciato rivoluzionando Versus Versace, trasformandolo in un brand “vedi-adesso, compri-adesso, vesti-adesso”; è stato uno straordinario successo, e abbiamo scoperto un’audience completamente nuova che vive la propria vita online.” ha detto Donatella Versace. Anche un certo numero di piccoli sta già facendo sfilare i capi di questa stagione o ha annullato quelle già programmate. Spesso, rimpiazzando la sfilata con campagne di marketing digitale. A New York, il designer Wes Gordon ha cancellato la sfilata alla New York Fashion Week in favore del debutto su Instagram con nove vignette. Tracy Reese ha presentato la sua ultima collezione in un fashion film dal titolo “A Detroit Love Song”. Nel frattempo, Rebecca Minkoff e Misha Nonoo stanno mettendo in vendita le collezioni di questa stagione; Rebecca Minkoff con una sfilata mentre Misha Nonoo con campagne sui digital-media.

Cosa succede a Milano e Parigi? Osservatori dell’industria del settore suggeriscono che Milano e Parigi dovrebbero mantenere l’attuale format di presentazione con una stagione di anticipo, cogliendo l’occasione per rafforzare la propria immagine di città simbolo dell’autentico lusso, mentre New York e Londra svolterebbero verso il più commerciale modello ‘See-Now, Buy-Now’.
“Produrre prima di sfilare non evita il rischio, e può dare vita a un mercato nero dell’informazione.” ha detto al NYT Carlo Capasa, presidente della Camera della Moda Italiana. “E’ una follia,” a detto Karl Lagerfeld in un’intervista  a  BOF  nel backstage della sfilata Fendi a Milano.  “Posso mostrare le mie collezioni e venderle, dare il tempo alla gente di fare la propria scelta, di ordinare, e di produrle con la massima qualità e dare il tempo agli editori di fotografarle. Al contrario è la fine di ogni cosa,” prendendo una chiara posizione contro il ‘See-Now, Buy-Now’. La scorsa settimana, parlando in occasione della presentazione dei dati finanziari relativi a Gucci, i migliori degli ultimi 3 anni, Francois-Henri Pinault, CEO di Kering, ha respinto l’idea di modificare il sistema delle sfilate per allinearsi alle tempistiche del dettaglio. Pinault ha detto a Bloomberg che presentare le collezioni sei mesi prima crea desiderio fra i clienti e che vendere direttamente dalle passerelle “nega il sogno”. Ralph Toledano, presidente della Fédération Française de la Couture, du Prêt-à-Porter des Couturiers et des Créateurs de Mode, ha espresso lo stesso convincimento. “Per quanto ci riguarda, l’attuale sistema rimane valido.” ‘See-Now, Buy-Now’: R(e)Evolution o Semantica? Wait and See
.The Times They Are a-Changin'


MILANO MODA DONNA
AUTUNNO/INVERNO 2016-2017

Matteo Renzi Italy's Prime Minister  (first on the left) and Giuliano Pisapia Mayor of Milan (second on the left)

Matteo Renzi a Milano Moda Donna. Per la prima volta un premier ha inaugurato una settimana della moda femminile.  L'evento di inaugurazione di Milano Moda Donna si è svolto a Palazzo Reale, con un pranzo ufficiale a cui hanno partecipato, tra gli altri, il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, e il presidente della Camera Nazionale della Moda, Carlo Capasa. All'evento erano presenti anche  Anna Wintour (editor-in- chief di American  Vogue), Francois-Henri Pinault (CEO Kering) e molti designer italiani come Giorgio Armani, Renzo Rosso, Matteo Marzotto Lavinia Biagiotti, Ennio Capasa, Anna Molinari, Alberta Ferretti, Angela Missoni, Donatella Versace,   Brunello Cucinelli, Tomaso Trussardi e Ermanno Scervino.

Lunch at Royal Palace of Milan, Hall of Caryatids - from left: Francois-Henry Pinault, Anna Wintour, Matteo Renzi, Franca Sozzani, Giorgio Armani.


MILANO MODA DONNA Fashion Week Autunno/Inverno 2016-2017: sei giorni di eventi con 73 sfilate, 90 presentazioni - nove delle quali su invito, e altri 13 appuntamenti da non perdere. 
Lunedì 29 febbraio si svolgerà il closing event “A sustainable drink for a sustainable fashion”, durante il quale Camera Nazionale Moda Italiana presenterà le “Linee Guida sui requisiti eco-tossicologici per gli articoli di abbigliamento, pelletteria, calzature e accessori” sviluppate in collaborazione con Sistema Moda Italia, Federchimica, Associazione Tessile e Salute e Altagamma.



PETA, PROTESTA ANTI-PELLICCIE TOSSICHE


Richiamando l’iconico slogan della campagna “Preferisco Girare Nuda  Che Indossare Una Pelliccia” un trio di modelle seminude – vestite con poco più che  slip, una striscia di nastro isolante a coprire i capezzoli e maschere antigas – ha sfidato il freddo in piazza del Duomo martedì alla vigilia dell’inaugurazione di MILANO MODA DONNA Fashion Week esibendo un cartello con scritto “LA PELLICCIA E’ TOSSICA”.
Le attiviste di PETA  hanno ricordato ai passanti che l’abbigliamento e gli accessori in pelliccia sono crudeli verso  gli animali – e tossici per gli esseri umani.   “Non c’è niente di chic quando si parla di pellicce strappate dai corpi di animali che lottano per sopravvivere, le quali  poi sono caricate di sostanze chimiche pericolose per le persone che le indossano,”  dice il Direttore Associato di PETA Elisa Allen. “PETA invita tutte le persone di cuore a scegliere vestiti senza pelliccia per il bene della propria salute e per il benessere degli animali.”


LA PASSEGGIATA / THE WALK
Scott Schuman, alias The Sartorialist in Via Montenapoleone
dal 23 febbraio al 29 febbraio 2016


LA PASSEGGIATA, mostra On Air in Via Montenapoleone dal 23 al 29 febbraio 2016.   In occasione di MILANO MODA DONNA Fashion Week, Associazione MonteNapoleone, in collaborazione con Samsung, presenta LA PASSEGGIATA, un percorso immaginario nella produzione fotografica di Scott Schuman alias The Sartorialist.


“L’ARTE DEL BIJOU ITALIANO” A  PALAZZO REALE
dal 19 febbraio al 2 marzo 2016

In occasione DI MILANO MODA DONNA  Fashion Week Autunno/Inverno 2016-2017, Palazzo Reale presenta la mostra “L’ARTE DEL BIJOU ITALIANO”. Curata da Alba Cappellieri e Lino Raggio la mostra è allestita nelle splendide Sale degli Arazzi al piano nobile del Palazzo. 
Il percorso della mostra si snoda attraverso bijoux d’autore dagli anni Cinquanta al Duemila, ripercorrendo la storia di questo prezioso accessorio attraverso 300 pezzi unici firmati da stilisti e designer di fama internazionale. Un viaggio nel tempo che porta i visitatori alla scoperta delle creazioni realizzate per grandi stilisti come Walter Albini, Giorgio Armani, Renato Balestra, Biki, Ugo Correani, Enrico Coveri, Gildo Cristian,  Dolce & Gabbana, Gianfranco Ferrè, Emy Forte, Krizia, Lancetti, Missoni, Moschino, Tina Rossi, Luciano Soprani, Valentino, Gianni Versace.

Arte, moda e design si fondono nel percorso di questa mostra, promossa e prodotta da Comune di Milano|Cultura, Palazzo Reale, Fiera Milano e HOMI, il Salone degli Stili di Vita di Fiera Milano.
 


Royal Palace | THE ART OF THE ITALIAN BIJOU - Stefano, Anna Piaggi, Ugo Correani for Versace  - '80


Royal Palace | THE ART OF THE ITALIAN BIJOU - Sharra Pagano for Moschino '80


Royal Palace | THE ART OF THE ITALIAN BIJOU - Unger for Clotilde Silva 2000


Royal Palace | THE ART OF THE ITALIAN BIJOU - Sharra Pagano '90


Royal Palace | THE ART OF THE ITALIAN BIJOU - Sharra Pagano '90
The Times They Are a-Changin'
image
Lorenzi@Larusmiani 
image
Ecce Homo? Prima Donna!
image
MATTHEW BOURNE
image
 COUTURE RUSSA
image
Fashion Film Festival Milano
image
KLEZMATICS 
image
SUZY MENKES diventa DIGITALE
image



 
  
Italy UK
VISITA MILANO
MILANO INFORMAZIONI
MILANO AGENDA
MILANO ITINERARI
MILANO DOVE STARE
MILANO VEDERE e FARE
MILANO MANGIARE e BERE
MILANO 24 ORE
MILANO DINTORNI
MILANO AGENDA
OPERA e BALLETTO APRILE 2017
MOSTRE APRILE 2017
TEATRO APRILE 2017
CONCERTI APRILE 2017
VIA MONTENAPOLEONE SHOPPING
PRET A PORTER
BORSE e ACCESSORI
SCARPE
DONNA OROLOGI e GIOIELLI
UOMO OROLOGI e GIOIELLI
SUPER LUSSO e BESPOKE
IDEE REGALO e REGALI AZIENDALI
GRAND GOURMET e LE BIEN VIVRE
WINDOW SHOPPING
VETRINE IN TEMPO REALE
VIA MONTENAPOLEONE NEGOZI INFORMAZIONI
VIA MONTENAPOLEONE NEGOZI DIRECTORY
VIA MONTENAPOLEONE ORARI NEGOZI
VIA MONTENAPOLEONE MAPPA NEGOZI
VIA MONTENAPOLEONE NEGOZI INFORMAZIONI
VIA MONTENAPOLEONE NEWS
The Waiting is Over.
one-of-a-kind Swishes
Invasione à la Française
“one-of-a-kind Street”
Design Inside Out 2016
VIA MONTENAPOLEONE FOCUS ON
MANNEQUINS
VIA MONTENAPOLEONE CHRISTMAS 2012
VALENTINO TIMES
FEMEN da VERSACE
FENDI incontra l' ARTE
DENTRO I NEGOZI
MIRELLA DENTI
GIO MORETTI
CERRUTI BALERI
DE WAN
LARUSMIANI
PERSONAGGI e EVENTI
The Times They Are a-Changin'
Lorenzi@Larusmiani 
Ecce Homo? Prima Donna!
MATTHEW BOURNE
 COUTURE RUSSA
VIA MONTENAPOLEONE BESPOKE
BESPOKE SHOPPING
BESPOKE REGALI
BESPOKE FILM
BESPOKE EVENTI
BESPOKE SERVIZI
BESPOKE MATRIMONI
BESPOKE LIVING
BESPOKE IDEAS
YOU & US
CONTATTI
Tua E-mail
Submit
Seguici su Facebook
Copyright © 2011 Manzoni Editore LTD. All Rights Reserved | Condizioni di Utilizzo | Privacy Policy